Musica & Spettacolo - Blog - Radio Caserta Nuova 100.00 FM

www.radiocasertanuova.com - 100.00 MHZ FM a Napoli, Caserta, Benevento e provincia - RCN di Piertony Fusco dal '76
Cerca
Ore
Vai ai contenuti

Menu principale:

Oscar 2016 a Morricone

Pubblicato da ADMIN in Musica & Spettacolo · 29/2/2016 23:57:00
Ennio Morricone e la moglie Maria TraviaDopo la consegna dell'Oscar il Maestro Ennio Morricone è tornato in albergo. Niente feste. A 87 anni il modo migliore per celebrare è una notte di riposo stando accanto agli affetti: la moglie e il figlio Giovanni che l'ha accompagnato sul palco e ha tradotto per lui il discorso di accettazione. "Ho dedicato l'Oscar a mia moglie Maria perché ha avuto molta pazienza a sopportare la mia assenza", dice il maestro di capolavori come C'era una volta il west. Ennio Morricone ha dedicato una vita alla musica e al cinema, e questa dedizione ha comportato qualche rinuncia a livello personale.

Intervistato nella sua suite dell'Hotel Four Season di Beverly Hills Morricone ha dunque approfittato dell'occasione per lasciarsi andare ad un velo di malinconia e alla spiegazione di un dovuto ringraziamento: "Sono stato molto assorbito dalla professione e quindi la lontananza dalla famiglia c'è stata negli anni più intensi della mia carriera. Non ero del tutto assente, questo no, ma qualche momento importante in famiglia, qualche passaggio nell'educazione dei miei figli, me lo sono perso. Ho avuto una bella vita, avventurosa, ma avevo l'impressione di perdermi qualcosa. Mia moglie però c'era, c'era sempre, e per questo dedico l'Oscar a lei. Per la sua pazienza". L'Oscar per la colonna sonora di The Hateful Height di Tarantino è arrivato alla sesta nomination. La prima candidatura era arrivata nel 1979 per I giorni del cielo. Nell''86 era dato per favorito per The Mission ma perse. Successe la stessa cosa l'anno dopo per Gli intoccabili. Poi ci fu Bugsy nel '92 e Malena di Tornatore, nove anni dopo.

Nel 2007 è arrivato il premio alla carriera e ora finalmente l'Oscar per un film. "Tarantino non mi ha detto molto, mi ha chiesto di considerare il viaggio sulla neve della diligenza, non mi ha dato consigli per quanto riguarda la musica, per niente, io così mi sono sentito completamente libero. Lui pensava al suo film come un film western ma io lo vedevo lontano dagli western che avevo fatto io con Leone, erano proprio diversi". I registi però qualche volta hanno richieste più specifiche: "Ci sono dei registi che chiedono anche cose ragionevoli e in questo caso gli do retta ma poi però ci metto la mia firma, la mia attenzione creativa. Non è passiva questa accettazione delle richieste del regista. Poi ci sono anche registi come Roberto Faenza, che ti dicono solo: fa come ti pare.
Quanto ti dicono così mi devo assumere una responsabilità ancora maggiore, però alla fine le mie cose migliori sono venute proprio in quei casi, quando mi hanno dato carta bianca". D'altra parte il lavoro di un compositore di cinema è un lavoro di mediazione, due autori in uno stesso progetto."Con l'aggravante che la musica arriva sempre all'ultimo. Certe volte ho anche proposto: scrivo prima che tu inizi a girare. Non è un metodo abituale, ma per me funziona, scrivo prima i pezzi principali, poi il regista inizia a girare avendo già in mente parte della musica". Ora uscirà un libro sul grande maestro, scritto da Alessandro DeRosa dal titolo "Inseguendo quel suono". Uscira' per Mondadori il 3 maggio 2016. "Sono lunghe conversazioni che ho avuto con l'autore, lui le ha rese in forma scritta, credo che venga un buon libro. E' una sorta di biografia professionale, cosa io penso della musica del cinema, cosa si deve fare per fare buona musica, cosa non si deve fare. 

Il titolo deriva da una poesia che ho scritto a mia moglie, Inseguendo quel suono. Subito sul titolo non ero d'accordo, mi sembrava che non spiegasse abbastanza ma poi mi sono convinto e ora mi piace. Conversazione con Ennio Morricone certo spiegava di più. Non ho scritto molte poesie, anzi ne ho scritto una, quella dedicata a mia moglie, era un'occasione speciale".



Pierino d'Oro: tutto pronto per la 41esima edizione

Sabato 19 e domenica 20 settembre 2015 con inizio alle 19,30 prenderà il via la quarantunesima edizione del Festival Canoro Pierino d'Oro. Ben 41 sono le edizioni della manifestazione sannicolese ideata dal mal dimenticato Pierino Fusco la cui opera è stata portata avanti dal 1993 dal suo amico e braccio destro Enzo Di Nuzzo. La manifestazione è la più vecchia della Campania, non c'è mai stato un anno senza che sul palco allestito per l'evento, salissero tanti bravi giovani che hanno in comune la passione per il canto. Non bisogna dimenticare che molti ragazzi hanno poi spiccato il volo per manifestazioni a livello nazionale come Rai Uno e Mediaset. La manifestazione anche quest'anno riceverà il patrocinio della Provincia di Caserta, del Comune e della Pro Loco di San Nicola la Strada e dell'Ept di Caserta. Ricche sorprese e partecipazioni di ospiti famosi, noti al panorama della musica leggera saliranno sul palco deliziando i numerosi partecipanti con le loro performance. Il patron Di Nuzzo ha già annunciato che ci sarà una lieta sorpresa dalla storica presentatrice della manifestazione Luisa Di Nuzzo, che eccezionalmente sarà coadiuvata dalla valletta Sara Cerreto. La formula prevede come ogni anno, sia le iscrizioni che gli ingressi siano gratuiti. Il premio della critica dedicata a Michela Corbelli la giovanissima scomparsa prematuramente, anche quest'anno verrà assegnato dalla Giuria, dal maetro e dal patron. Tutti ingredienti che lasciano supporre che anche quest'anno Il Pierino d'Oro sarà una manifestazione da non perdere.




Fonti di questo articolo:



IL VOLO: 25 settembre il nuovo album

Pubblicato da ADMIN in Musica & Spettacolo · 30/8/2015 22:35:00
Tags: ilvoloalbumnuovo2015sanremovincitori
Il Volo conclude un anno di grandi soddisfazioni e successi con il nuovo album internazionale "L'amore si muove" in uscita il 25 settembre e già disponibile in preorder su iTunes dal 28 agosto. 

Sempre da venerdì entrerà in rotazione radiofonica e sarà disponibile in digitale "L'amore si muove", il nuovo singolo caratterizzato dallo stile inconfondibile de Il Volo.
Fonti di questo articolo:



Dalise vince il 58/o Festival di Castrocaro

Pubblicato da ADMIN in Musica & Spettacolo · 30/8/2015 18:27:00
Tags: festivalcastrocarorai1dalisevincitrice
Dalise, all'anagrafe Maria Teresa D'Alise, 31enne di Cancello Scalo (Caserta), ha vinto la 58/a edizione del Festival Voci Nuove di Castrocaro, che si è concluso a tarda notte in diretta tv su Rai Uno presentato da Pupo. Ha battuto nell'ultimo rush un conterraneo, Pietro Falco, 24 anni, di Parete.
Dalise è stata la più apprezzata dalla giuria presieduta da Silvia Salemi e composta anche da Cristiano Malgioglio, Max Tortora ed Emanuele Filiberto di Savoia. Ha presentato, come tutti i dieci finalisti, prima una cover - nel suo caso 'In alto mare' di Loredana Bertè - poi un inedito, 'Nuvole nella testa', accompagnata dall'orchestra diretta da Stefano Palatresi. Dalise ha studiato canto a Napoli e suona la chitarra dall'età di 12 anni. Nel 2003 si è trasferita a Roma, dove ha proseguito gli studi e ha partecipato a trasmissioni tv come 'Chiambretti c'è', 'Libero' e 'Carramba che fortuna'.
Fonti di questo articolo:



Radio Caserta Nuova S.r.l. Via Pilade Bronzetti, 81020 San Nicola la Strada (CE).
www.radiocasertanuova.com P.IVA 02430100616 - SIAE 40187/13 - Webmaster @EnricoSchiano
Torna ai contenuti | Torna al menu